Janus Blog

Sito Web Responsive: cos'è e i suoi vantaggi

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Rispetto agli albori del www (1993), o gli anni della crisi della new-economy (2002), internet ha assunto un volto molto diverso, così come le maniere di accedere ad esso. Se all'inizio i siti erano minimali, per far fronte alla bassa velocità di connessione e alle risoluzione minime dei monitor, col passare degli anni, si sono complicati, popolandosi di immagini, animazioni in flash o video, che hanno permesso una sua profonda personalizzazione.

Con la comparsa dell'iPhone 3G (2008), e la diffusione della connessione mobile, è nata la consapevolezza di ripensare i siti web in maniera molto più leggera, proprio per venire incontro a queste nuove esigenze di connessione. Ad accelerare l'evoluzione ha contribuito la scelta di Twitter di rendere open source Bootstrap (2011), il quale ha permesso di sviluppare, in tempi rapidissimi, siti concepiti in maniera responsive.

Cosa significa sito responsive?

Prendendo la definizione data dall'Oxford Dictionary, responsive si riferisce: to a website whose page design changes automatically according to the size of the screen on which it is viewed; ovvero, in italiano: ad un sito web il cui design delle pagine cambia automaticamente in base alle dimensione dello schermo sui cui è visto.
In pratica, un sito web responsive consente di visualizzare un sito nella maniera più adatta e comoda possibile per la risoluzione e il dispositivo che stiamo utilizzando.

Perché è importante avere un sito che si adatti al dispositivo?

I vantaggi soprattutto dal punto di vista della navigazione. Un sito responsive, infatti, evita il fastidioso “movimento” che si effettua, in ogni direzione, per ricercare la voce di menù o il link desiderato. Capacità principale di un sito responsive è proprio quella di “impilare” tutte le voci del sito, per permettere una più comoda e naturale ricerca dall'alto verso il basso.
Rimanendo sul tema della navigazione, inoltre, un sito responsive evita il dover ingrandire la pagina per poterla leggere, poiché gli elementi saranno sempre della dimensione corretta per il dispositivo.

Se è solo una questione di comodità, perché puntare sul responsive?

Perché è cambiata la maniera di vivere il web. Rispetto ad un lustro fa, il durata media di una sessione su un sito si è ridotto drasticamente, poiché la tendenza è quella di “scannerizzare” un pagina, ovvero di sfogliare i contenuti nella maniera più rapida possibile, alla ricerca delle informazioni desiderate. Proprio come uno scanner, la tendenza è di leggere dall'alto verso il basso (e non da destra verso sinistra, come la normale lettura), per poi fermarsi appena trovato il contenuto desiderato (questa tendenza ha comportato la diffusione dei moderni template verticali). Un sito web responsive risponde appieno a questa tendenza, poiché permette, soprattuto negli schermi, di verticalizzare i contenuti, rendendoli più adatti allo scroll tipico di questo periodo, con ampie possibilità di aumentare il tempo trascorso sul sito da parte degli utenti mobile; di contro, un normale sito statico rischia di veder fuggire tutti coloro che usano lo smartphone per navigare proprio per la loro scomodità.
Non è un caso se Google, dal 2015, ha deciso di privilegiare i siti responsive tra i risultati della ricerca.

Chi Siamo

Janus s.r.l. è una software house con esperienza consolidata che vanta un team completo di professionisti dedicato allo sviluppo di software ed alla erogazione di servizi di consulenza informatica alle aziende.

Il blog è nato dalla volontà di fornire informazioni e approfondimenti sui temi dell'ICT, spesso prendendo spunto dalle domande che ci vengono poste dai nostri clienti.

Search