Janus Blog

Bring Your Own Device per le aziende: come gestirlo?

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Smartphone e tablet sono ormai entrati a far parte della nostra quotidianità, li portiamo dappertutto e ci rendono più facile gestire le questioni lavorative e non ma non è tutto oro ciò che luccica soprattutto per le organizzazioni.

Uno dei maggiori trend tecnologici degli ultimi tempi è sicuramente quello del Bring Your Own Device (BYOD), tradotto letteralmente “porta il tuo dispositivo”, fenomeno che è andato di pari passo alla grande diffusione dei dispositivi mobili.

Questo fenomeno, a cui le aziende sono sempre di più interessate, si traduce nel fatto che in azienda i lavoratori usano i propri dispositivi personali sul posto di lavoro comportando per le organizzazioni numerosi vantaggi.
Uno tra tutti è quello del risparmio sui costi dei dispositivi e delle licenze software che in tal modo sono sostenuti dal dipendente; inoltre, diverse ricerche hanno dimostrato aumenti della produttività dei dipendenti che utilizzano i propri dispositivi, oltre a consentire una grande flessibilità al dipendente, che può così lavorare fuori dal luogo di lavoro anche in orari non standard.

Per molte organizzazioni il BYOD è stata ed è ancora una pratica informale ma proprio la mancanza di un approccio sistematico può esporre le aziende ad alcuni rischi.
Nel BYOD infatti ci sono due facce della stessa medaglia perché sebbene da un lato risulti molto conveniente per le aziende, dall’altro comporta per queste ultime di perdere il controllo sulle proprie risorse informatiche: in questo modo si ha una gestione “promiscua” di informazioni aziendali e non aziendali che risiedono sul dispositivo mobile che sono però poste sotto la responsabilità dell’azienda in qualità di titolare del trattamento dei dati personali.

La risposta a questa situazione ovviamente non è che i dispositivi personali usati per lavoro devono di qui in avanti essere posti sotto il controllo stringente dell’azienda, con la conseguenza di limitare le attività del dipendente andando a perdere i benefici di questa pratica, ma piuttosto adottare diverse strategie per tutelarsi tra cui introdurre una policy aziendale, che garantisca al contempo la sicurezza dell'azienda e la privacy dell'utente, e sensibilizzare i dipendenti sulle problematiche di sicurezza e privacy che il BYOD presenta.

Chi Siamo

Janus s.r.l. è una software house con esperienza consolidata che vanta un team completo di professionisti dedicato allo sviluppo di software ed alla erogazione di servizi di consulenza informatica alle aziende.

Il blog è nato dalla volontà di fornire informazioni e approfondimenti sui temi dell'ICT, spesso prendendo spunto dalle domande che ci vengono poste dai nostri clienti.

Search